mercoledì 20 luglio 2016

Come non sbagliare nella scelta dei vini

Quali accorgimenti devo saper 
per scegliere un buon vino
Cosa controllare per scegliere
 il
Comprare un vino che non si conosce è sempre una scommessa.
Al supermercato, all'enoteca nel negozio offline e ancora di più
nel negozio online
è sempre un enigma per chi non è esperto e non se ne intende.
Alcune informazioni per riconoscere un vino di qualità:
Prima di tutto ci dovrebbe aiutare L'etichetta.

L’etichetta ci dovrebbe aiutare a scegliere un vino buono a tutti gli effetti
perché rappresenta la carta d’identità del vino -.
Dovrebbe contenere quelle informazioni necessarie ad aiutarci a fare
la scelta giusta.

Quali sono gli elementi che possono aiutarci a distinguere se un vino
effettivamente è buono o meno.
L'etichetta oltre a fornirti la carta d'identità del vino ti dovrebbe
raccontare anche la storia di quel nettare per esempio Il vitigno
dal quale proviene l'uva per la produzione di un determinato vino:
Aglianico, Sangiovese, Primitivo,Nero d’Avola,Montepulciano d’Abruzzo.
Questa indicazione riporta quando un vino è prodotto “in purezza”,
ossia con almeno l’85%di quel vitigno.
In alcuni casi particolari come quello del nostro produttore
la percentuale di vitigno è il 100%.Un'altra cosa importante è L’annata.
Questo è un altro elemento che può facilmente farci riflettere.
Diciamo che i vini più “semplici” in genere vanno consumati
nell’anno successivo a quello di produzione
o al massimo entro un paio di anni.
I vini prodotti con determinate pratiche di cantina,
come lunghi affinamenti in legno, possono tranquillamente
attendere anni prima di esprimere il meglio di sé.
Se non siamo sicuri di quello che acquistiamo cioè non abbiamo un'etichetta
che ci indica i parametri sopra riportati e cerchiamo un vino semplice
per la cena è meglio acquistare un vino d’annata,
massimo dell’anno precedente se si tratta di un rosso.
Invece se vogliamo gustare un vino importante,
come ad esempio un Brunello di Montalcino
o del nostro produttore di vini biologici aziendali, allora in quel caso
dovremo scegliere un’annata più vecchia.
Del resto non esistono Brunello o un Montalcino d’annata!
Coma nel caso del nostro produttore.
A proposito Il produttore deve essere sempre indicato
o almeno deve essere presente il nome,
il codice identificativo,
e dell’imbottigliatore.

Un'altro fattore importante è La gradazione alcolica che dev'essere
indicata sulla retro etichetta.
E per legge, deve essere sempre ben visibile
(insieme alla quantità contenuta nella bottiglia).
La gradazione alcolica non è certamente un parametro di qualità
ma è molto utile per capire se stiamo acquistando un vino
“leggero e immediato” o un “vino importante”.
Per i bianchi dai 10,5 ai 12 gradi siamo in una fascia media.
IL bianco del nostro produttore vinificato in purezza con
uve aglianiche ha una gradazione alcalina di 13 gradi con 30 milligrammi
di soltiti per litro mentre nei vini bianchi commerciali si arriva a 400
milligrammi per litro(questo è il perché dopo bevuto il vino bianco viene
mal di testa)
Per i rossi in genere si può salire anche di un grado.
Se compriamo un vino rosso da 14,5 gradi come il Primitivo
non aspettiamoci certamente di bere un vinello leggero.

Perchè Vino Biologico,
perché i vini prodotti da agricoltura biologica
devono - necessariamente - essere riconoscibili.
In etichetta hanno una particolare fogliolina verde che certifica il rispetto
dello standard e tutte le notizie che riguardano vita e miracoli di
quel vino e dell'azienda che li produce.
Teniamolo sempre ben a mente.

Il prezzo è Un fattore importante da tenere in considerazione quando si
vuol scegliere un buon vino che non si conosce?
Il prezzo è spesso indice di una certa qualità.
Si può bere benissimo anche senza spendere una fortuna
ricordandoci sempre una cosa importante:
Un vino che viene proposto a un prezzo inferiore di 5 euro,
anche al supermercato, deve sempre farci dubitare.
Tolti i costi vivi: vetro, etichetta, tappo e capsula, considerato l’IVA,
un po’ di tasse, il giusto ricarico del punto vendita e un minimo di trasporto…
Ma quanto potrà costare davvero il nettare di vino che stiamo comprando?
Se vuoi saperne di più visita i vini del nostro produttore:clicca per
vedere tutte le premiazioni ricevute e la sua storia.


Nessun commento: